Città di Sienà ITF 10.000$ 2014, il direttore del torneo: ‘L’obiettivo è arrivare ad organizzare un 15.000$’

19 giugno 2014 – 16:22

Il Città di Siena ITF 2014 sta ormai entrando nella fase calda: quest’oggi si sono disputati i quarti di finale e per tanto sono già noti

i nomi dei quattro semifinalisti che si contenderanno la vittoria della manifestazione. L’edizione di quest’anno è stata certamente più problematica rispetto quelle scorse a causa delle incerte condizioni metereologiche, ma alla fine tutto è si è svolto come da programma anche grazie al lavoro del personale del CT Siena e alla supervisione del Direttore del torneo, Stefano De Vito.

Stefano, qual è esattamente il ruolo del direttore del torneo?

Diciamo che l’organizzazione di ogni aspetto che possa interessare i giocatori compete a me, dalla location a qualsiasi altro tipo di esigenza. L’importante è che entrino in campo nelle migliori condizioni possibili; di certo quest’anno la pioggia non mi ha facilitato il compito, ma anche con l’aiuto dei nostri uomini ce l’abbiamo fatta. Abbiamo https://www.acheterviagrafr24.com/viagra-definition/ rimandato solo due volte gli incontri e non ci sono stati particolari lamentale sui campi, quindi direi che tutto è andato bene. Da oggi in poi gli incontri saranno molti di meno e tutto sarà in discesa.

Che cosa significa per il Circolo organizzare un torneo simile in un momento così delicato per Siena?

Certo, il momento per Siena e provincia non è positivo dal punto di vista sportivo, e il nostro torneo può rappresentare una boccata d’ossigeno. Il https://www.acheterviagrafr24.com/acheter-viagra-sans-ordonnance/ nostro obiettivo comunque è crescere e arrivare un giorno ad organizzare un 15.000$.

Sarebbe un importante passaggio a livello economico, avete avuto difficoltà a reperire fondi per l’edizione di quest’anno?

Sarebbe un bel salto, ma per il momento stiamo andando bene. Ad aprile abbiamo organizzato un Open femminile valevole per le qualificazioni agli Internazionali d’Italia, la prossima settimana ci sarà un Open maschile a Poggibonsi, quindi in provincia stiamo facendo bene.

Il salto https://www.acheterviagrafr24.com/acheter-viagra-en-ligne/ vero sarà se decideremo di passare ad un 25 o ad un 40.000$, lì ci vorrebbero disponibilità economiche notevolmente superiori. Per il momento va bene così e dobbiamo ringraziare il nostro sponsor, Banca Cras.

Certo il ruolo degli sponsor è decisivo, che peso hanno in un torneo come un 10.000$?

Enorme, nel nostro caso gli sponsor coprono il 70% della spesa complessiva, il resto lo mette il Circolo.

A proposito del Circolo, i soci come reagiscono al torneo?

Reagiscono abbastanza bene, qualcuno più positivamente di qualcun altro ma va bene così. Io penso che un circolo come il nostro debba vivere di tennis, quindi bisogna fare attività anche per farsi conoscere fuori. Senza organizzare tornei del genere il circolo è destinato a morire.

Che risposta stai constatando da parte della provincia e della Città?

Devo dire positiva; tanti circoli del circondario mi hanno chiesto il programma e si sono informati su cosa significhi organizzare un torneo simile. Certo il futures è diverso dall’Open, con un futures parliamo di professionismo, e solo viaggiando su questi binari è possibile farsi conoscere davvero fuori.

Condividi su:
  • Print
  • Digg
  • Sphinn
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Blogplay
  • RSS
  • Twitter
Sportingame